Climbing Areas
METEO
SC STAFF
SardiniaPoint
Case vacanze
 

Technicolor, the dark side...

<<<Torna alla Home Page

 

 

Quando dieci anni fa, era il 1996, cominciai ad attrezzare la piccola e nascosta parete di "Technicolor", non dissi niente a nessuno. Volevo fare una sorpresa agli amici, regalare loro una nuova parete già pronta e confezionata. Parallelamente avevo cominciato ad attrezzare anche "Animal House", con il medesimo intento. Era inverno, ed andavo a chiodare da solo, anche con la pioggia. Una volta, ricordo, addirittura con la neve. In quell'inverno a Domusnovas tirava sempre vento o pioggia, in giro non c'era nessuno, per cui non fu difficile passare inosservati.

Ma la sorpresa riuscì a metà...nel senso che "Animal House" divenne, seppure dopo tre anni e con l'aggiunta di molte vie di altri chiodatori, una falesia apprezzata e frequentata, mentre "Technicolor" rimase sempre in disparte, tralasciata e temuta dai più. Forse lo stile di scalata, forse i gradi non proprio "regalati", fatto sta che per lunghi anni le visite a questa parete furono del tutto sporadiche, nonostante offrisse indubbiamente alcune delle più belle vie dell'Iglesiente.

Qualche anno dopo, con Massimo Gessa, ci tornammo con l'intenzione di aprire qualche via nel settore sinistro. Qualcuno si era lamentato del sentiero troppo ripido (5 minuti in tutto!!) e, in un'impeto di generosità, ne tracciammo uno nuovo. Ma, alla vista del lavoro che c'era da fare per aprire altre vie, ci scoraggiammo e lasciammo perdere... Tutto restava come prima.

Nel 2005 il famoso scalatore Manolo fece visita a Technicolor, portandosi a casa due bellissime on sight, "Spy story" e "Red rain". Al telefono mi fece i complimenti per la falesia, che definì bellissima, anche se un po' piccola. Alla fine il "Mago" mi fece venir voglia di tornare. Il sentiero "nuovo" era ormai scomparso, la base della parete era piena di muschio ed erbacce. Ero demoralizzato, di fronte a tanto abbandono! Con alcuni "fedelissimi", tra cui Cecilia e Giampaolo, questa volta ci mettemmo all'opera sul serio. Tracciammo ancora un nuovo sentiero, ripulimmo la parte bassa della falesia. Cambiai poi gli spit rovinati, le soste, rettificai il percorso delle vie eliminando il più possibile gli intrecci e...naturalmente aprii qualche via nuova. Ora è ritornata l'estate e una pausa nei lavori s'impone. Tuttavia molto rimane da fare, se si vuole ampliare la falesia. Forse continuerò, o forse no...per il momento ecco i risultati del lavoro, sperando che la falesia ora possa avere un po' più di fortuna che in passato...


Maurizio Oviglia



* Accesso ed altre info: pagina 80 di Pietra di Luna


nome

grado

m

chiodatore

prima libera

prima on sight

1

LOST AND FOUND**

6a+

20

M. Oviglia 10/05

M. Oviglia 10/05


via facile ed interessante, ma non banale. Utile per riscaldamento, Il grande masso a metà diedro è bloccato con la resina.

2

TRASH**

6b+

20

M. Oviglia 2/96

M. Oviglia 2/96


muro grigio con sezione su buchi. Passaggio chiave di impostazione, un po' antipatico, poi uscita su belle tacche

3

SKIZZO**

7a+

25

M. Oviglia 6/99

M. Oviglia 1999


muro strapiombante a tacche. Parte centrale molto intensa e un po' costretta con le vie vicine

4

RISVEGLI**

7b

25

M. Oviglia 6/96-2005

M. Oviglia 10/05


svasatura difficile. Originariamente il passo chiave si superava verso destra, verso gli appigli di Sogni, per poi uscire in comune con questa. Nel 2005 la via è stata rettificata ed ora il passo chiave è un boulder molto più difficile che resta nel centro della svasatura, sino ad una grossa presa da cui si traversa a destra.

5

SOGNI***

7a

25

M. Oviglia 6/99

M. Oviglia 6/99


bella canna fisica, crux tecnico. Spit del passo chiave un po' alto e difficile da moschettonare.

6

FLUIDO VITALE**

6c+

20

M. Oviglia 6/96

Enzo Lecis 1996

Enzo Lecis 1996

muro e colonnoni complicati, una via che si apprezza solo una volta che si conosce, dato che la prima volta può sembrare più difficile di quello che è in realtà. La via è stata accorciata nel 2005 per renderla autonoma nel finale.

7

CAMEL***

7a+

25

M. Oviglia 10/05

M. Oviglia 10/05

S. Sarti 11/05

canne strapiombanti e tecniche per questa bella ed estetica via. Dopo la prima parte di Fluido Vitale si passa a destra della grande canna con un passaggio di forza, quindi si affronta il crux, tecnico, verso destra. La parte finale non è difficile. Con qualche astuzia è possibile riposarsi bene prima del passaggio chiave.

8

AUTOBIOGRAFIA DIGITALE**

7c+

30

M. Oviglia 6/96

M. Oviglia 6/99


continuità su piccole prese. La sezione chiave è un po' costretta verso Spy Story con movimenti sbilancianti e poco estetici, ma poi la via ritrova la sua indipendenza nella non semplice parte finale

9

SPY STORY***

7b+

30

M. Oviglia 6/96

M. Oviglia 1996

Manolo 9/05

sezione a tacche e continuità. Per completezza e varietà di movimenti, è una delle vie più belle dell'Iglesiente. Si comincia con una dura sezione tecnica, quindi bloccaggi su buchetti che preludono ad una lunga canna di impostazione non sempre facile. Si finisce per uno strapiombo poco intuitivo.

10

RED RAIN***

7c

30

M. Oviglia 2/96

M. Oviglia 10/96

Manolo 9/05

una grande via tecnica. Si comincia con una corta sezione di dita, a destra della canna. Ci si sposta quindi a sinistra su una grande presa, appena un po' di fiato prima della sezione più dura, la mano destra sulla canna appena accennata e la sinistra su piccole tacche, i piedi precari. Si esce quindi per Spy Story.

11

ACTION PAINTING***

7a+

35

M. Oviglia 2/96

M. Oviglia 1996

G. Cattaino 10/1996

muro multicolore a tacche nette. Bellissima via, che sta giustamente riscuotendo il successo che merita. Parzialmente rettificato l'attacco (2005) per renderla indipendente. Arrampicata su tacche e gocce di ogni dimensione, con una discreta continuità. Passo chiave più difficile per i bassi di statura.

12

OMBRA SILENZIOSA**

7a

35

M. Oviglia 2/96

M. Oviglia 1996

S. Sarti

sezione difficile e di movimento. Meno bella ed omogenea di Action Painting, tuttavia presenta un passaggio difficile che risulterà particolarmente ostico ai bassi di statura. Finale entusiasmante.

13

LOBOTOMIA**

7b+/c

35

M. Oviglia 2/96

M. Oviglia 1999


muro verticale a rare gocce. Passaggi complessi ed aleatori, vari allunghi. Una delle vie "cult" di placca dell'Iglesiente, nessuna ripetizione. Nel 2005 è stata aggiunta una parte finale, non difficile, che non dovrebbe influire sul grado. In ogni caso la via è stata ri-liberata da Oviglia a novembre 2005.

14

TOTO' A COLORI***

7a

35

Oviglia/Mocci 11/05

M. Oviglia 11/05

A. Mannias 4/06

muro grigio con passo tecnico. Solo tre metri a destra di Lobotomia, tuttavia su bella roccia lavorata a tacche e buchi. Solo un passaggio, il chiave, richiede buone dita e buona impostazione. Un 7a tutto da guadagnare, consigliato a chi considera il 7a un grado "facile"!

15

ICE**

6c+

25

Oviglia/Mocci 11/05

M. Oviglia 11/05

Cecilia Marchi 3/06

muro verticale tecnico. Una sola sezione tecnica e sbilanciante su muro verticale, per il resto ottime prese.

16

HOT RATS***

7a

35

M. Oviglia 12/05

M. Oviglia 1/06


lato sinistro della canna. Buone tacche ma un passaggio difficile su piccole prese alla fine della grande canna, restando sul muro di sinistra.

17

OCTOPUS**

7a+

35

M. Oviglia 12/05

M. Oviglia 1/06


lato destro della canna, tecnica di movimento. Sezione intensa su piccoli biditi ed appigli distanziati. Conviene restare sul muro, la canna è un po' polverosa