SARDINIACLIMB > RUOTA DEL TEMPO >Descrizione vie
  16 – Woodstock (7c+) 25, 30 m  
 

Chiodata da: Maurizio Oviglia, giugno 1991
prima rotpuntk: Maurizio Oviglia, giugno 1991 – nuova versione, Oviglia 2002
prima ripetizione versione 7c/c+: Fabrizio Dessì 2001
prima salita on sight: ??
prima rotpuntk femminile: da realizzare

Altra storica via che ha ricevuto molti rimaneggiamenti. Woodstock un tempo traversava su Magellano e finiva con essa (7b); solo nel 1998 fu resa più indipendente, rettificando la chiodatura nel muro centrale (passo chiave), superato ora nell’esiguo spazio tra Cobì e il diedro di Magellano. Infine, nel 2002, fu aggiunta una parte finale nel muro a destra di Magellano.
Anche se con una sezione centrale molto bella, difficile e tecnica, tra le più temute della falesia, questa via rimane poco frequentata, a causa delle molte possibilità di scegliere il percorso nella parte alta, scelte che ne cambiano inevitabilmente il grado.
In particolare la via può essere terminata alla catena di Cobì (7b+), a quella di Magellano (7c/c+), alla nuova sosta sulla destra (7c+) o a quella successiva (libera non ancora realizzata, oltre l’8b).
Dopo una prima parte (6b) e un ottimo riposo, la via inizia con una sequenza molto bella su un tetto e poi per tacchette nette su un muro molto verticale e tecnico. Raggiunte le canne di Magellano si prosegue con esse abbandonandole per una prua con un passaggio molto difficile di 7b, non particolarmente bello. Il seguito oltre la catena appare molto problematico.

leggi i commenti
lascia un tuo commento
vota la via




zoom