Climbing Areas
METEO
SC STAFF
SardiniaPoint
Case vacanze
 

Archivio arrampicatori sardi

Caccia agli otto!


Gli ultimi due mesi hanno consolidato, con nuove rimarchevoli realizzazioni, i nuovi talenti isolani dell'arrampicata sportiva, espressione della nuova generazione sarda.

In particolare Marco Bussu si è distinto con la bella prima libera di "War" (8a+) una via appena chiodata nella grotta di Domusnovas e della vicina "Agnostic front" (8a), prima ripetizione.

Gli fa eco da Cala Gonone Grazia Fenu, che questa volta ha messo velocemente nel sacco "Orecchio di Licaone", 7c+.

Degno di nota anche la ripetizione del superdefinito Marco Caboi dell'ormai classica "Totem", un 8a di riferimento nella zona di Fuili.

Dopo il sottoscritto (in pensione) ora imperversa un altro sardo di importazione (detto anche "fintosardo"), il lombardo Domenico De Milato, che questa volta ha stritolato "Visual Game" (8a+). Una curiosità? Domenico vive a Sassari ma trova ben più stimolante arrampicare a Cala Gonone, e così quando inizia ad arrampicare ha 200 km sulla groppa: mezzo grado in più?

Mentre si registra lo stop estivo delle vie boulder (troppo caldo per tenersi sul duro!) e il letargo precoce dei cagliaritani (Fabrizio Dessì è l'unico che resiste, ma è un po' sfigato, ed è arrivato ad un passo dal chiudere diversi 8, proprio ora che arrivano i 50 gradi, per cui lo "rimandiamo a settembre"), c'è ancora da segnalare che il sottoscritto e Simone Sarti hanno provato il "real climbing" a
 Carloforte, su vie che sfiorano il 7b e su cui si rischia il posteriore...


Riguardo le arrampicate a vista nessuna notizia degna di nota, pare che sia proprio uno stile che non interessa ai sardi!


Maurizio Oviglia




 

Marco Bussu "no weight"