Homepage

Le vie mitiche, le vie belle



Ghoan (5a), Bruno Fonnesu

Ghoan è una facile via abbastanza recente molto adatta ai principianti. E’ un assaggio della fantastica roccia di Masua, non a caso frequentatissima dalle famigliole teutoniche e dai loro figli. Un piccolo gioiello, peccato sia breve!

Supergulp (5c+), Maurizio Oviglia e Raimondo Liggi
Sicuramente una delle vie facili più belle della Sardegna, Supergulp deve la sua fama alle incredibili gocce di calcare, grandi quasi come bicchieri. Vista da sotto la via non attrae particolarmente, ma scalarla è uno spettacolo. Frequentata anche dai Top climber che ci portano le fidanzate... il grottino a metà via ne deve aver visto di tutti i colori!

Future Woman (6a), Bruno Fonnesu
Complimenti a Bruno Fonnesu, che è stato capace di scovare questo bellissimo 6a, rimasto ignorato per 20 anni! Arrampicata in diedro su grosse prese, mai banale

Demian (6a+), Maurizio Oviglia
Demian è una via molto particolare, che raggiunge con un intelligente traverso una liscia lavagna bianca, intervallata da nettissime fessure e lame. Originariamente attrezzata a rari chiodi, Demian era una via molto temuta ed assai poco frequentata. Oggi è raramente ripresa, per il suo tracciato ricercato, ma vale la pena per il suo carattere storico.

Non desiderare la donna d’altri (6a+), Enzo Lecis
Una delle vie più ripetute, un festival delle gocce! Lunga, omogenea, su roccia superlativa, cosa si vorrebbe di più? Il nome deriva dal comandamento che Enzo ha sicuramente trasgredito di più...


Marcello Mundula su Non desiderare la donna d'altri (6a+), Foto Mattia Vacca

Camilla Strilla (6b), Bruno Fonnesu
Un lungo viaggio di 35 metri! Questa recente via si pone come una delle più belle novità della falesia, una piacevole scoperta per tutti e nello stesso tempo una via molto ambita!

Body and soul (6b+), Maurizio Oviglia e Enzo Lecis
Via storica con passaggi ostici, ma movimenti bellissimi. Un tempo molto temuta, oggi Body and soul è un po’ “scomparsa” tra le ultime nate. Arrampicata mai scontata ed evidente, dà da pensare anche ai più bravi

Piticheddu ma mannu (6b/c), Bruno Fonnesu
Altra bella intuizione di Fonnesu in un settore che già pareva saturo. Arrampicata varia su muro verticale, una via piacevole in tutti i sensi.

Chi vola vale (7a), Flaviano Bessone
Roccia atipica, di colore marrone, ma bell’arrampicata varia e abbastanza di continuità. Un bel tiro che vale la pena di rifare anche varie volte

Tramonto Rosso (7c, 8a), Svaluto Moreolo/Oviglia
Un muro spettacolare, sicuramente una delle placche più dure dell’isola. La versione 7c è la più logica, ma riuscire sull’8a è la classica ciliegina sulla torta. Arrampicata tecnica e di dita, con movimenti molto particolari nella parte bassa. Diverrà sicuramente una via “cult”


Cecilia Marchi su Supergulp (6a),
Foto Mattia Vacca

avanti >>>